Digital News BC Il Punto – I fatti della settimana raccolti da BC Agency

Abbiamo ottenuto la parità per il gentil sesso?

Abbiamo ottenuto la parità per il gentil sesso?

Nonostante gli sforzi che l’uomo cerca di fare, ancora oggi, non siamo giunti a una perfetta determinazione dell’argomento. 

Non si è giunti alla parola “the end”, fine, di questa problematica che attanaglia l’uomo sin dalla sua creazione. Non si è giunti al termine perché forse è anche cambiata la concezione della libertà, dovuto all’uso massiccio che facciamo dei social network. 

Molte volte si mischia il problema della parità tra la donna e l’uomo solo con il concetto di libertà e questo, a mio avviso, a nostro avviso è completamente sbagliato.

La libertà di una donna, di un uomo, anche nell’era che i filosofi chiamano “della tecnica”, sono nette e condivisibili, ma non si possono solo attingere all’uso di app e dispositivi che permettano la condivisione delle proprie emozioni e delle proprie concezioni della vita.

E invece, si crede, nel gergo del luogo comune più puro, che la visione libertaria sia dovuta alla concreta possibilità di scrivere un post, con un’emozione sui nostri social, oppure comprare un vestito, una scarpa, una borsa, e non avere una vita dignitosa che viaggi alla pari con quegli dell’uomini.

Una volta, le donne prettamente dette, badavano alle famiglie.Cucinavano, stiravano, badavano alla casa e mandavano i propri figli a scuola. Andavano in campagna ad aiutare i mariti e cercavano di educare nei migliori dei modi i figli.Le donne moderne, fanno più o meno le stesse cose di quelle del passato, ma hanno anche la possibilità grazie all’uso di un linguaggio comunicativo diverso, di cambiare la condizione tacita della loro vita.

Possono, grazie all’uso dei social, dare uno sfogo alle proprie idee contro un universo femminile che è ancora visto come sinonimo di “bellezza”, scusate il gioco di parole, bellezza fisica e non per quelle qualità che in una donna si possono trovare.

I media con le show girl, opinion leader, influencer, fanno rappresentare un lato della donna che non rappresenta la realtà ma rappresenta una favola inventata, con lo stile di “Pinocchio”, del grande Collodi.

Una vita romanzata, dove teenegers e donne di qualsiasi età, cercano di rispecchiarsi, senza trovare però la giusta collocazione. Invece, di parlare anche grazie ai dati Istat, raccolti anche da Eurostat, che vedono la donna sempre in deficit nei confronti dell’uomo dal punto di vista del salario.

Infatti, in un articolo apparso sul sito di “Winningwomeninstitute”, dal titolo: Pay Gap – le donne sono pagate meno degli uomini – ecco i motivi; si delinea un quadro che conosciamo tutti, ossia, le donne prendono comunque meno degli uomini.

About the author

BlogConnection Agency

BlogConnection Agency,
Per maggiori informazioni invia un'email a: blogconnectionagency@gmail.com
Altre informazioni sono online nella pagina "redazione" di questo sito.

Add Comment

Click here to post a comment